TAVOLA CALDA. Alina Rizzi

**

Era tardi, non c’era più nessuno a parte il cameriere che sciacquava i bicchieri dietro il banco. L’ultimo treno era già partito, la stazione si svuotava, la zona circostante piombava in un silenzio innaturale, di giorno neppure immaginabile. Da quanto ero seduta lì, al tavolino circolare rivestito di marmo bianco e gelido, di fronte alla sedia vuota che non avevi voluto occupare? Credo circa dieci ore, ormai.

Sì, ti aspettavo di mattina, come sempre, per una breve colazione prima di avviarci verso un museo, una galleria, una libreria, qualcosa che avessimo progettato nei giorni precedenti, minuziosamente, con grande passione e dedizione. E invece non sei arrivato.

Ho bevuto qualche cappuccino durante la giornata, nessuno mi ha chiesto niente. Non ho mai sfilato il cappotto né il cappello: l’aria che entrava dalla porta che si apriva e si chiudeva era gelida come sempre a gennaio, quando inizia l’inverno vero.

E’ probabile che il cameriere si sia fatto delle domande sul mio conto, ma io non ho neppure alzato il viso su di lui in tante ore, neppure una volta. L’ho visto in faccia solo quando l’ultima cameriera ha lasciato il turno e ho dovuto ordinare a lui in persona un nuovo caffè. Era un ragazzo alto e magro, allampanato, con una camicia bianca e un gilet nero formale, del tutto insignificante. Del resto non vedo perché avrebbe dovuto importunarmi: non ho l’aria di una in cerca di qualcosa. Mi ero messa un cappello nuovo per l’occasione, color senape, con le falde larghe che ricadevano a incorniciare il viso. Mi piaceva molto, creava un angolo di intimità tra me e il va e vieni esterno. Poi avevo il cappotto verde coi bordi di pelliccia, quello elegante, un po’ da signora.

Mi piace vestirmi con cura per te, studiare i particolari. Quello che indosso deve riflettere come mi sento: la gioia di rivederti, la stanchezza dell’attesa, l’emozione del primo bacio, l’entusiasmo che accompagna ogni piccola scoperta condivisa. Ma devo anche essere piuttosto sobria per mimetizzare il sorriso che mi inonda il viso e che non so nascondere, ogni volta che ti cammino a fianco in mezzo alla città.

Ieri è stato diverso, perché non sei venuto all’appuntamento. Avrei forse dovuto chiamarti subito per chiederti spiegazioni di quel ritardo, ma non ho osato. Ho pensato alla nebbia, a un contrattempo, alla difficoltà di trovare parcheggio. Se c’erano problemi mi avresti avvisata tu, pensavo. Per un po’, almeno. Dopo due ore e due cappuccini ho capito che non si trattava più di un ritardo. Piano piano ho smesso di sorridere, di sistemarmi il cappello ogni cinque minuti, di controllare dentro la borsetta che il telefono fosse acceso.

So bene cosa avrei dovuto fare: telefonarti e poi alzarmi e andarmene. E invece no, non mi sono mossa. Improvvisamente le forze sono scivolate via dal mio corpo, come il sangue defluisce da una ferita apertasi all’improvviso. Mi sono accorta che avevo abbassato le spalle senza accorgermene e appoggiato la schiena alla spalliera della sedia, perché mi sostenesse. Ho spostato di pochi millimetri il cappello sulla fronte e sono precipitata in una nicchia dai riflessi ambrati, in cui penetravano suoni, parole, risate, rumori di tazze e bicchieri, ma solo lontanamente, come ci fosse una grande distanza tra me e il luogo circostante: avrei potuto essere ovunque, non faceva alcuna differenza. Credo di non aver pensato a nulla per ore: percepivo unicamente la linfa calda che scendeva verso le gambe e si perdeva in rigagnoli sul pavimento chiaro, ero completamente vuota e muta.

Poi si sono accese le due file parallele di lampade sul soffitto. Ho sbattuto le palpebre infastidita, ormai mi ero abituata a quel calo di luce del primo pomeriggio invernale. Non avevo idea di che ore fossero. Per fortuna c’era un radiatore giallo alla mia destra, vicino alla porta d’ingresso, che alleviava gli sbalzi termici ad ogni apertura della porta. Stavo rabbrividendo. Ho ordinato un te bollente o sarei rimasta gelata e immobile su quella sedia per sempre. Assiderata, avrebbero detto, come travolta da una valanga improvvisa.

Invece ero ancora viva, il te mi scottava la lingua, e mi dispiaceva. Non per la lingua, quanto di essere ancora viva. Non ne vedevo il senso e lo scopo a quel punto. Sapevo che avrei dovuto alzarmi, pagare il conto e tornare a casa, ma non mi interessava farlo e neppure ne avevo le forze. Tu non saresti più venuto, questo mi era chiaro, e a me il seguito non interessava più. Per un attimo ho pensato che il bar avrebbe potuto diventare la mia casa. Forse mi avrebbero messo a disposizione una branda sul retro e qualche cappuccino al giorno, in cambio di un aiuto in cucina: una lavapiatti può essere ancora utile in certi locali di grande passaggio, come quello di fronte ad una stazione.

Ma per come mi sentivo, lo reputai comunque un impegno troppo gravoso. No, non ce l’avrei mai fatta. E a quale scopo inoltre? Per sopravvivere un giorno in più? Per chi, per che cosa? Per andare dove, incontrare quali persone, parlare di altre futili banalità?

No, non mi sono mossa dalla sedia. Dovevo pensare, anche se mi era impossibile: un caos di immagini affollavano la mia testa dolente. Parole dette, scritte, sussurrate. Promesse e bisbigli. Tutto un mondo andato perduto. Certo sapevo che sarebbe accaduto, prima o poi, che era solo questione di tempo. Eppure ne ero sorpresa. Anzi, incredula. Mi avevi lasciata, semplicemente. I motivi non erano importanti: ce ne erano tanti da compilarci una lunga lista e non riguardavano me o te. Dunque non mi interessavano. Soltanto credevo sarebbe durata un po’ più a lungo di un anno esatto. A gennaio ti ho conosciuto e a gennaio mi hai lasciata: coincidenza? Oppure è questo il tempo limite di una storia come la nostra, che cresce più di sensazioni che di ragionamenti? Che vive di intrighi, menzogne, ore rubate come appartenessero di diritto a qualcun altro invece che alla nostra vita?

Io non lo so, non ho mai saputo nulla al riguardo, tutto mi coglie alla sprovvista, come fossi ottusa o forse matta. Una matta col cappello giallo. Ridacchiai. Alle dieci di sera il bar chiudeva, si abbassarono le luci. Mi alzai come in trance, pagai il mio conto, che doveva essere già pronto da parecchio tempo, e insieme al resto ricevetti un cartoncino colorato, una pubblicità pensai. La misi nella borsa senza guardare.

Uscii nell’aria gelida senza neppure sollevare il bavero del cappotto. Ero immune ormai. Quali sensazioni avrebbero ancora potuto coinvolgermi, onestamente?

Camminai fino ad un bar più moderno, con alcuni giovani sui divanetti d’angolo: capii che avrei potuto trattenermi per altre tre o quattro ore senza problemi. E così feci.

Alle due chiusero la saracinesca, salutandomi con sguardo assorto. Non credo di aver risposto. La mia bocca era come sigillata: non avevo più parole. Camminai tre ore esatte, lungo il Naviglio grande, percorrendolo da una riva all’altra, attraversando ponti di ferro e cemento. Le cinque del mattino arrivarono prima del previsto, contro lo sfondo rossastro e nebbioso dell’orizzonte ostruito da palazzi e antenne. Udii le saracinesche alzarsi, gli spazzini percorrere i viali, le auto avviarsi con fatica, avvolte nella brina ghiacciata della notte.

Alzai il capo solo di fronte al primo bar illuminato, davanti al quale era depositata una cesta di pane appena sfornato, uno scatolone di latte fresco, un pacco di quotidiani. Entrai senza guardarmi attorno, come avessi altro per la testa, invece che quel niente in cui galleggiavo da un tempo indefinibile. Ordinai il caffè sedendomi in un angolo appartato. L’avventore cortesemente depose un quotidiano sul mio tavolo, senza interrompere il mio silenzio austero. Chissà che faccia avevo? Quali colori, dopo che il trucco si era sfatto nella notte all’aperto? Spostai il giornale per non averlo nel mio campo visivo, circoscritto dalle falde del cappello ocra, ma nel movimento, accidentalmente, l’occhio non poté evitare la prima pagina. Lessi soltanto: maxi tamponamento sull’autostrada del sole. La nebbia provoca quattro morti e tredici feriti.

Autostrada del sole, compitò cautamente la mia mente. Maxi tamponamento, ripetè. Quattro morti, ieri mattina.

Mi scappò una risatina stridula, forse un grido, non so. Il primo verso dopo quasi 24 ore, come quello di un uccello rauco. L’uomo del bar sobbalzò. Sotto il titolo lessi i nomi dei morti, uno ad uno, nome e cognome e luogo di residenza. Poi mi alzai, presi dalla borsetta la moneta per pagare e, senza badarci, deposi anche il cartoncino che mi avevano dato la sera prima. Era rugoso al tatto, un po’ incurvato. Lo guardai meglio e vidi una donna sola seduta ad un tavolino rotondo di marmo bianco, con indosso un cappotto verde bordato di pelliccia e un cappello a cloche color senape. Nient’altro, a parte le luci sul soffitto, e un termosifone nell’angolo.

Ero io? Chi mi aveva guardata così a lungo? Chi mi aveva ritratta a mia insaputa? Perché? Lo sfondo del locale, una vetrina, non rifletteva altro che le due file di luci bianche sul soffitto. Niente, neppure la donna seduta al tavolo con la tazza tra le mani.

Capii che quella ero io senz’altro. Alle mie spalle, nel piccolo dipinto, appariva un vuoto buio e assoluto.

Automat – Tavola calda è il titolo del quadro di Edward Hopper (1927) a cui è ispirato questo racconto, tratto da Dell’amore non si sa niente, Calibano editore, 2022.

**

**

I racconti che compongono questo libro rientrano nella più classica tradizione delle short stories anglosassoni. I protagonisti, per lo più donne, vengono colte in un preciso istante della loro vita, in cui l’idea dell’amore che avevano, o credevano di avere, sembra disgregarsi. A volte, il dubbio che ne scaturisce è lo spiraglio da cui ripartiranno nuove considerazioni e nuovi tentativi dii ottenere un sentimento corrisposto. Altre volte, invece, non è altro che la conferma dell’inutilità dello sforzo di teorizzare su un argomento così poco razionale come l’amore. (A.R.)

**

Alina Rizzi nasce a Erba (CO). Giornalista e scrittrice, si dedica da sempre a valorizzare il mondo femminile. Suo è il progetto “La coperta delle donne”. Ha curato e partecipato a diverse antologie. Ha pubblicato il romanzo Amare Leon, da cui il regista Tinto Brass ha tratto il suo ultimo film. Monamour. Ha scritto Passione sospesa, Donne di cuori, Come Bovary e Scrivimi d’’amore. Successivamente scrive il dramma Natasha e il lupo e i volumi di racconti, Bambino mio e Pelle di donna. I suoi libri di poesia sono: Rossofuoco, Il frutto sillabato, La danza matta, Aritmie, Gente che se ne va. Il blog di Alina Rizzi è: http://www.costruzionivariabili.blogspot.it

Alina Rizzi

NON SEMPRE RICORDANO. Patrizia Vicinelli

Questo libro che vi presento stasera (non sempre ricordano), è un poema epico che si struttura in otto capitoli e raccontano una storia precisa. Si parla di mito e si parla di colpa e innocenza. C’è chi pensa che le due cose siano inconciliabili, perché colpa e innocenza sono una certezza ma non è vero. In realtà a livello più profondo e di analisi, e quindi dal punto di vista esoterico, il conflitto tra colpa e innocenza è sempre una svista. Non c’è mai questo problema davvero, quindi alla fine colpa e innocenza sono parole assurde. Perché questo libro inizia con “tuonavano” e tratta di dei, di morti, di eroi perché ci sono due modi di intervenire sulla realtà quando si ha a che fare con la colpa e l’innocenza. O un modo brutale, che ripete ancora di più la colpa e l’innocenza, che incide realisticamente come un atto di brutalità; o altrimenti si va alle radici più profonda di sé in maniera pavida e ancestrale e si trovano le ragioni di tutto quello che sta succedendo. E quindi ci si placa.

Per questo c’è un mondo superiore e un mondo inferiore, paradiso e inferi, e la realtà che è poi carcere, è la gente ammazzata a colpi di elettroshock. Non è un apriori; mentre le cose succedevano eravamo succubi. Ma per essere nel mondo in modo attivo, bisogna trovare un senso per dire le cose lo stesso. Lo scrivere, infatti, riguarda il dare: e avere uno scrigno pieno è avere il desiderio di dividerlo con amore. Ma se rimane troppa rabbia, non si riesce a dare di più e ci si tiene quei tesori per sé. Il mito serve molto a questo senso perché dà una dimensione oggettiva, che va al di là delle storie personali e potenzia.

Il mito è quello che ti risolve tutto a livello della tua intelligenza creativa. Va al di là dei fatti, per cui ogni cosa è plausibile e tu esci sempre vittorioso. Vittorioso in qualche modo, ma nel mito c’è questa meravigliosa meccanica che ti offre una grande interiorizzazione del fatti. Non considero il mito alla maniera di Conte ma è certamente una fonte. Io uso il linguaggio in un altro modo, e mi rendo conto che manca una terminologia intellettualistica. Ma qui si tratta di vita.

Se parlo di Dante e parlo di Pound, è gente che vive completamente fino alla malafine. C’è un bel po’ di vita. E non intendo quello che si fa concretamente: si può fare anche l’impiegato, come Kafka, ma vivere come lui in maniera totalmente drammatica. Questi miei otto capitoli, che poi erano 10. Ma due non mi sono stati pubblicati -perché era poesia viva, pubblicarmi costava e il mio editore non aveva abbastanza denaro- sono stati scritti prima che conoscessi la prigione, ma l’inconscio parla sempre e parla e parla. Tu hai visto o non hai visto ma hai sempre visto tutto…

(Modena, 28 gennaio 1986)

L’intervento di Patrizia Vicinelli è tratto da “L’abito della chimera”, a cura di Carlo Alberto Sitta con la collaborazione di Maria Luisa Vezzali e Bianca Garavelli (Laboratorio di Poesia di Modena 1979-1989.

**

Attraversare il fiume

Come un’altalena, come un arcobaleno, il penetrare in alto e in basso, colorato, a croce lui
ripete l’andamento. Interiorizzato l’abisso
è una struttura dell’essere, egli si strazia nell’immerso come nella sua pratica, il solito.
Prendere in mano la sorte del suo destino e integrarlo
e diventare l’agognato essere dei sogni, a picco la luna sulla mente
non smette di influenzare. Morbi
scattanti angustiano, ed è una morsa di ferro ma il principio non è dimenticato,
neppure la lotta, neppure la resa, neppure
l’incessantemente corso
di questo fluire di questa vita di questo cosmo, a paragone.
Nella chiusura e nell’apertura, si schierano i miopi
cercatori, s’immergono nei pozzi oscuri e scattano come risucchiati verso le stelle, dopo
una stanchezza che pareva già morte.
Sempre il tempo per ognuno ha finito di scorrere, quando giunge la luce
non somigliò a nessun sentimento
o a quelle forme conosciute
di cui si ammantava piuttosto un’istantanea mentre un cavallo s’era fermato sotto la luna.
Disse che anche la poesia andava detta
in un altro modo, perché servisse ad altre schiere, e perché diventasse movimento attivo
senza ritorno, ogni volta che il desiderio avesse preso una forma e il dominio. Immerso in un’oscurità da utero, seppe
che era una scelta e non più una condizione e
se ne stette rincattucciato senza temere,
come un bambino sempre più goloso, ma di senso. Vide le nuvole cadere precipitando
in quell’universo finalmente statico, guarda
per ore tutto ciò che vuole, inventando schemi come un mago con la sua bacchetta.
Deve dormire, nel sonno crea il suo paradiso, lo fornisce di dettagli e consistenza,
ricorda che era come tessere,
fare tutt’uno del destino con la vita.
Ebbe buoni maestri, nel campo dello spirito. Tutto l’assillo e il procrastinare furono dovuti
a una sorta di concupiscenza, sempre quella,
e nominarla passione, dove il corpo può immergersi fa il suo tremendo mestiere il corpo arricchisce
la mente nel suo modo possibile e migliore. L’infermità accumulata nei centesimi del tempo di attendere sembrò irreversibile
e solo dopo l’invincibile rinuncia
se lo permise di godere scavalcando così i suoi resti riemergenti allora in nuova energia.
Quella calma è una struttura interiore, da lì
fu possibile dettare ordini alla mente e rinforzare i sigilli della propria unità.
Così la forza forma la sua melodia come di un uomo che ha finito di sperare
e che ha iniziato a dominare, poiché la sua anima ha visitato gli opposti.
Le creature così vaganti da impazzite, quasi mai raggiungono la riva, quasi mai infrangono lo specchio,
raramente congiungono a sé la propria sorte, perché non si danno pace, oppure non si fermano. Intanto Orfeo conduce al di là dei sassi
la sua fede rovente e si chiede perché,
questa paura smisurata ancora una volta abbandona il mondo tu se lo accetti quel lago immenso
della solitudine, la condizione, la condizione.
Querce immobili in quei momenti fremono senza vento batte il loro alito su altre menti in consonanza.
Mai diviene certo cosa risulti,
la grande ansa del desiderio abbattuta la diga dell’immenso fiume abbattuta,
luogo in cui queste parole sono proprio inutili, tenendosi dritto Orfeo in compagnia della sua ritrovata anima, cellula per cellula eretto
un androgino pieno d’orrore e di risentimento,
si lasciò percorrere al di là della sua storia avendo raggiunto la superficie del pozzo, ma sì, sotto quella calma sotto le stelle in alto,
pace disse sperava, e un’aria improvvisa di sera tranquilla.
Tremanti quelli come lui ancora dentro quei loro corpi a lungo vissuti, essi piangenti si cacciano
la stella famosa in fronte, come lui proseguirono
piano, finalmente senza più temere.
Sì il timbro dell’inutile veniva da ridere sommessamente a tutte quelle rincorse sul bello
e quanto si trovò colmo di esso come un pastore
dicendo come è passato e come è mio, la coincidenza dell’essere, e quanto si trovò colmo del senso,
mentre se ne andava in un lontano fermo e rinunciando alle sue speranze.
Essa stava lì nel centro cuore bollente aurora, da non fermarla, ecco il rischio inevitabile,
il cammino già dato.
Così da lontano vedeva la sponda, anche tutto quello che c’era nel mezzo.

**

… QUELLA VOLTA FU PIU’ DIFFICILE, PER NON
DIRE IMPOSSIBILE, PROIETTARE
Come freccia bolla di sapone soffio di vetro
[…] FINO A SCOPPIARE con la cannuccia fra le guance,
APOTEKE: “prego, un’ampoule De Lagrange”
I francesi dicono: “un’ampoule de maxiton
fort”, una certa droga diabolica di 350 anfé,
con cui, après la chute, sali mezz’ora,
hai tempo di intervistare i cherubini,
come quello: … certo Benito G. mexicano
e poeta finito a colpi di shock elettro
anche! terapy in Tangier, anno 71…
come quello: … sbattuto in Baltimora
lontano almeno 550 miglia in altezza …
disse: “HIGHT! C’est pas le moment:
CO PEN GA MEN… my friends, please…
come quello: … certo Gian Pio T. modenese
[…] INFINE, come quella volta, he need help
PROIETTARE, partorito dalla mente, il
SAMURAY, la sua splendente fiammeggiante
scimitarra alla mano,
sospesa in sfera vuota e incolore.

**

Patrizia Vicinelli (Bologna 1943-1991) nasce a Bologna. Giovanissima, entra a far parte del Gruppo ’63 durante il convegno a La Spezia del 1966. Figura carismatica, aperta alla sperimentazione, il suo mantra ricorrente era “vita uguale opera”. Vicinelli esegue performances di poesia orale e scrive per AlfabetaMarcatréExQuindici. Collabora e si confrontava con Emilio Villa, Adriano Spatola, Franco Beltrametti. La sua prima opera scritta, E capita, è pubblicata nel 1962 sulla rivista Bab Ilu, fondata nello stesso anno da Spatola. Patrizia si dedica anche ad altre discipline artistiche e incontra il cinema attraverso Tonino de Bernardi, Claudio Caligari. La sua poetica spazia attraverso influenze ed espressioni poetico-visive con prodotti artistici esposti in tutto il mondo: Milano, New York, Tokyo, San Francisco, Venezia, e i suoi artefatti fonetico-sonori sono disponibili sotto forma di registrazioni. Muore di  AIDS nel 1991. Opere: à,a.A,  Lerici, 1967; Apotheosys of schizoid woman, Tau, 1979; Non sempre ricordano, Ælia Lælia Edizioni, Parma, 1986 (ristampato con altri testi in Non sempre ricordano. Poesia Prosa Performance, Le Lettere, 2009).

NELLA GROTTA DEL TUONO. Maria Grazia Insinga

Questi versi, inediti, fanno parte della futura raccolta di Maria Grazia Insinga, A sciame.

Grotta di Lascaux

un eone e una mandibola di cervo

nella grotta del tuono è sufficiente

a navigare il mesolitico comprendere

il non comprensibile dentro la ragione

non rende comprensibile niente e qui

si affermano minuscole lame di selce

non attendo le provviste di voci

vattene di tua spontanea volontà

*

l’episodio pluviale carnico

nella grande provincia ignea

l’estinzione per grazia stromboliana

che rifà la scala temporale geologica:

ed ecco le barriere coralline le prime

ecco i dinosauri gli alieni e noi le dee

*

acustica subacquea

l’umidità preistorica nella casa
degli orrori non venirci nella casa
e in sogno per grazia governa

il tuo sentire al di là

uno strazio liberare i suoni antropici

dall’orecchio e immergi nelle acque

l’inizio: la vedrai camminare

su posidonie difficili scoscese

alla fine di là del fosso

*

è sempre fuori luogo la nostra esistenza

l’ultima parola è una come tante:

il cielo è pietoso la terra troppo popolata

e nessun segno: la misericordia spietata

l’altra quasi morta che non saprebbe fare

del bene neppure a una mosca: e poi

il finale a sorpresa: l’impronta acustica

della foresta di gorgonie fuori luogo fuori

tempo e senso: l’algoritmo novello

per lo zifio le serenelle i coralli

i giovani delfini il capodoglio ridisegna

l’intero milieu intérieur: la disarmonia

Grotta di Lascaux

*

è necessario mescolarsi: solo

ibridi e serenelle sopravvivranno

questa ha un secondo in più

e lo usa per leggere le sacre

riscritture questa ha un secolo

in più e se ne frega dei lustri

legge senza luce essendo luce

Grotta di Lascaux

Maria Grazia Insinga (1970) laureata in Lettere moderne, è docente di Pianoforte. Fa parte della giuria del “Premio Lorenzo Montano” e del Comitato di lettura di Anterem Edizioni. Nell’ambito degli studi musicologici censisce, trascrive e analizza i manoscritti musicali inediti del poeta Lucio Piccolo. Idea laboratori di poesia per i giovani: La Balena di ghiaccio, in memoria di Basilio Reale e il Premio Lighea per la Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella. Ha pubblicato: Persica (Anterem, 2015); Ophrys (Anterem, 2017); Etcetera (Fiorina, 2017); La fanciulla tartaruga (Fiorina, 2018); Tirrenide (Anterem, 2020). Alcune poesie si trovano in riviste e antologie: Blanc de ta nuque (Le voci della luna, 2016); Umana, troppo umana (Aragno, 2016); Il Segnale. Percorsi di ricerca (I Dispari, nn. 103, 108, 118, 119); Punto. Almanacco (puntoacapo, 2017); Trivio. Polesìa (Oèdipus, 2017); Il corpo, l’eros a cura di Franca Alaimo e Antonio Melillo (Ladolfi, 2018); Fuochi complici (Il Leggio, 2019); Taccuino della poesia (Giulio Perrone Editore, 2020); Osiris Poetry (A. and R. Moorhead, nn. 84, 90, 92).

Maria Grazia Insinga

IN IMMAGINI E PAROLE. Cristina Campo

A distanza di vent’anni, (agosto 2022) le Edizioni Ripostes ristampano Cristina Canpo, In inmagini e parole, a cura di Domenico Brancale, con una nota di Maria Pertile. Scrive Brancale: «Questo volume si propone di restituire il corpo fisico del poeta. La fisionomia è, pur sempre, il risultato di ogni parola pronunciata. Scavati scolpiti dai respiri, i lineamenti assumono le sembianze del destino,. Rintracciare le origini è sfogliare l’album dell’invisibile». E così accade, scorrendo il libro. Alle parole dell’autrice si alternano immagini di strade, alberi, case, e in controcampo il suo viso perfetto, misterioso. Ne scaturisce un libro umile, al servizio di Cristina e Simone Weil (che lei stessa traduce), ricco di una vibrante vocazione amorosa per l’imperdonabile autrice, da sempre simbolo di sapienza, rigore e pudore per oni poeta. Esemplare nel suo ritiro ostinato dall’assurda vita contemporanea, Cristina resta icona di una scrittura inattuale, dettata dalla necessità: «Se qualche volta scrivo è perché certe cose non vogliono separarsi da me come io non voglio separarmi da loro. Nell’atto di scriverle esse penetrano in me per sempre – attraverso la penna e la mano – come per osmosi». ((M.E.)

**

Profonde strade, rapide fra le case senza luce, dei poveri di Masaccio. Io le percorro ogni giorno, sono le strade del quartiere di San Frediano. Ma nell’affresco sono le Strade dei Poveri: Firenze o Gerusalemme, Roma o Palmira. E tuttavia non lo sarebbero se non fossero prima di tutto e fino all’ultima crepa della pietra le strade di san Frediano: dove ancora sembra fuggire, certe mattine d’inverno, l’ombra del ragazzo che saliva quattro a quattro la gradinata del Carmine. Non conosco poesia universale senza una precisa radice: una fedeltà, un ritorno.

*

Si vede talvolta in un treno, in una sala d’aspetto, un volto umano. Che ha dii diverso? Di nuovo potremmo dire ciò ce quel volto non ha, ciò che i suoi tratti non tradiscono. Gli occhi non diffidano né sollecitano, non divagano e non indagano., Occhi in nessun attimo assenti, mai interamente presenti. Ai giorni nostri tali volti, comuni nei quadri antichi, sembrano sigillati da un’invincibile malinconia.

*

Eppure amo il mio tempo in cui tutto vien meno ed è forse, proprio per questo, il vero tempo della fiaba.

**

Simone Weil

Pensieri e lettere dell’arte (traduzione di C.C.)

Si considera sempre l’estetica come uno studio speciale mentre è la chiave delle verità soprannaturali.

*

Descrivere la differenza fra una cosa bella (opera d’arte) e il resto, facendo completa astrazione della bellezza. Si troverebbe così qualcosa di istruttivo.

*

Un quadro è uno spazio finito, limitato da una cornice. Bisogna che ci sia l’infinito.

*

Sempre un certo accordo – un certo accordo, una certa opposizione fra il finito e l’indefinito.

*

Scrivere – come tradurre. Negativo: scartare delle parole quelle che velano il modello, la cosa muta che dev’essere espressa.

*

Bisogna che noi abbiamo accumulato crimini che ci hanno resi maledetti per aver perduto tutta la poesia dell’universo.

*

Di dove ci verrà la rinascenza, a noi che abbiano contaminato e svuotato tutto il globo terrestre?

*

Dal passato, se l’amiamo.

*

La scienza greca era a base di pietà. La nostra è a base di orgoglio. Vi è un peccato originale della scienza moderna.

Domenico Brancale

SIBILLINA AMELIA. Alfonso Guida

Amelia Rosselli era lingua di accumulo, accumuli labirintici, pesantezza della parola, significato del suono, lo spirito diabolico della musica abitata. Amelia scriveva seguendo traiettorie tracciate dalla sua ferita-radice schizofrenica. La sua casa (la sua lingua) era piena di muri divisori e i dipinti erano alberi capovolti con le chiome gorgoniche, anguicrinite, sparse nell’aria. L’albero era capovolto come nei quadri di Baselitz, il bosco con la testa all’ingiù, ma era saldo. Salvo scricchiolamenti dell’ultimo momento. L’istante fatale. Lo specchio riflessivo ha sciolto il ghiaccio potente in cui si era raccolto, addensato, e ha fatto precipitare tutto il castello nel profondo delle acque. Alla fine aveva previsto tutto. Sibillina Amelia. Variazioni belliche finisce con una poesia martellantemente anaforica nella cupezza che dichiara: “Tutto il mondo è vedovo”. Amelia era pesante e, come tutti gli aggravati, invidiava i pesi leggeri. Per questo dichiarò di amare la “prosa morbida” di Scipione. Apprezzava la nudità penniana, quella grecità azzurra. Pertanto Amelia non è neoavanguardista: il suo gusto e le sue invidie stilistiche viravano alla tradizione.

Sarei così felice se dicessero di me che ero sabiano. Ma Saba, il maestro di Penna, era semplice, direbbe lui stesso, per costituzione culturale e naturale. Era semplice come il suono garrulo della sua voce di rondine.

Per me l’esperienza della materia ha emesso molta materia molto sangue. La presenza di un eccesso di sangue rende barocco il corpus della lingua. Ora la quiete interiore, che è ripetizione, ha scarnificato la mia parola. Il carnevale della follia è un’invenzione della paura. E la paura ammucchia, sposta, ammucchia.

Georg Baselitz

[…]

Non ci è toccato in sorte un territorio, secondo Deleuze. La radice di Amelia Rosselli è la coda di pavone del suo carcere. L’ultima rima annotata recitava “pavone-prigione”. Un excessus mentis quotidiano. Sensi esteriori potentemente marcati e modellati sui sensi interiori. Le stesse negazioni, gli stessi strappi, le stesse luci serali di lampada, luce arancione come “la melodia di Schubert” (scriveva in Documento), color giallo-tuorlo come la pasta all’uovo di Campignano paese (in Documento). I muri di Amelia, sacrificali e sacrificati, sotto l’incalzare di un continuo crivellamento. La santità della mistica, in questo.

Amelia Rosselli

Alfonso Guida

LA CROCEFISSIONE. Lorenzo Pittaluga

William Congdon

Francis Bacon

**

-Guardate…guardate…sta così… in quella posizione ridicola da bonzo, da più di una settimana!

-Vi pare buffo? A me francamente da’ il voltastomaco…lo conoscete?

Un bel giovanotto a torso scoperto, con addosso solo un paio di pantaloncini corti, lisi e sfilacciati, scapigliato e sporco, mi stava davanti. Portava al nudo collo un enorme papillon scuro con degli appariscenti e luminosi pois gialli, impietrito e solenne, in una posizione di Budda, stava col buco del culo piantato in un paletto sporgente dalla ringhiera dell’orto della canonica.

-Comprende in che cosa consiste l‘ultima grana che devo risolvere? La questione è che il curato, che viene dalla campagna, come voi dottore, è un appassionato di botanica.. il giovane prete adora e cresce con cura le sue verdure di cui è assai orgoglioso… e ora costui…vedete come si comporta…

Il giovane, che avrei poi saputo essere un poeta, arrossì in volto fino a diventare incandescente, dilatò a dismisura le narici che divennero enormi, gonfiò le guance come un suonatore di trombone, poi… reclinò il capo riccioluto, lo protese di scatto nuovamente e vomitò ammoniaca..

[…]

-Che fare… che fare, è uno scandalo… in quell’assurda posizione… espone il nostro paese alla vergogna… Siamo la barzelletta di tutto il circondario: di pazzi ne ho veduti certo, molti erano più convenzionali… Il volto che penetra il vuoto, la crisettina isterica con il rituale risolino seguito dal solito piagnocolorum… pazzi “normali”, insomma, trattabili in qualche modo, la siringa con lo psicofarmaco, la camicia di forza… Questo tipo, invece è un affare particolare.. bestemmia rudemente alternando l’acqua santa, mastica preghiere irriverenti, colme di grasse volgarità… è uno scandalo…

[…]

-Vi ho fatto scendere, dottore, perché voi, solo voi ben conoscete i meandri segreti dell’anima… solo voi potrete risolvere qualcosa… dirimere questo pasticcio…

Intanto il poeta giaceva nella stessa posizione di prima e manteneva l’identico atteggiamento ieratico e immobile di quanto lo avevo incontrato tre quarti d’ora prima…Sempre così: ammiravo l’incredibile equilibrio col quale sosteneva la sua secca sagoma trafitta dal sottile paletto, unico rapporto del suo corpo con qualcosa di terreno, il corpo verde e pulsante tremolante come un muscolo sempre in tensione, palpitante; e le smagrite gambe annodate. Sì, in quel modo poteva essere un budda…

[…]

Mi avvicinai di più a lui, con rispetto. Gli soffiai nell’orecchio ripetendo il gesto divino e lo chiamai Adamo. Adamo si alzò. Levitò di qualche palmo. Ora era sospeso ondeggiante nell’aria ferma e senza vento. “Adamo” ripetevo lentamente, scandendo ogni lettera che ripeteva questo nome… Con uno sforzo indicibile, al di sopra di ogni qualsiasi comune possibilità umana, tirai giù quell’essere multiforme, cangiante, I suoi piedi toccavano il suolo. Da quel momento lo chiamai Cristo. Gli gridai parole intense in una lingua sconosciuta al mondo…

-Ricordi l’amore?

-L’amore, disse, non può essere dimenticato da chi tiene con sé la misura dell’infinito e dell’infinito amore. Tu da parte tua conosci i primi dieci millimetri, e tanto ti basti…

-Non vorrò io, Signore, trattenerti ancora. Non soffrirò troppo quando volerai nella caligine alzando un lenzuolo di polvere e sparirai in un pezzo di cielo puro. Però, prima di lasciare questa terra di intolleranti piccoli uomini, lascia solo un segno: una testimonianza non del tuo passaggio ma della tua assenza. Cristo tornò a sorridermi, poi s’alzò lieve a mezz’aria e con un cenno della mano mi saluto.

[…]

-È sparito…sparito… grazie al cielo…

-Non dica grazie al cielo. Non dica grazie al cielo. NO.

E il cielo notturno si squarciò in un grido possente, un tuono lacerante scardinò le tenebre, ci fece tremare; vedemmo scendere svolazzando una cosa scura con i contorni ben delineati, fosforescenti: era il papillon blu che cingeva il collo nudo del pazzo bestemmiatore, del santo peccatore con le mani forate…

[…]

Andiamo, signor prefetto, torniamocene a casa: è già notte.

(1986)

Lorenzo Pittaluga (1967-1995) nasce a Cremeno di S. Olcese, nei dintorni di Genova. Due le plaquettes Arcobaleni tesi come redini e Marginali annotazioni di un modesto ventriloquo di provincia. La rivista “Arca” pubblica Poesie del primo giorno e Con gli interessi di una rosa. Quattro i suoi libri: Le ore della sete, Campanotto, 1994; L’indulgenza (a cura di Marco Ercolani ed Elio Grasso), Graphos, 1997; La buona lentezza (Campanotto, 1999); Al termine di noi, con acquerelli di Claudia Sansone (Joker, 2009). Poesie di Lorenzo sono presenti anche in due libriccini Pulcinoelefante, a cura di Alberto Casiraghi: Corda in controcanto e Scostati dal coro. Lorenzo Pittaluga Nel 205 appare Sono la foce e la sorgente Antologia poetica 1984-1995, con prefazione di Marco Ercolani e postfazione di Filippo Davoli. Su riviste e blog hanno scritto di lui Cristina Annino, Marco Ercolani, Marco Furia, Stefano Guglielmin, Francesco Marotta, Stefano Verdino.

IL DONO DELL’ATTESA. Danila Boggiano

Suggestioni dopo la lettura di Il mese dopo l’ultimo*

Chi aspettare, poi, se il Messia ci venisse infine incontro? La luce è nella sua assenza, la sua presenza sarebbe la porta sbattuta sul desiderio della stanza. Bergotte che muore ci lascia l’obbligo di continuare la ricerca della tenera gialla sfumatura. Tutto è in quel minimo estremo lembo di francobollo racchiuso dentro una busta spiegazzata. Il coraggio di aprire la busta, l’umiltà di sottrarla al suo banale mostrarsi.

Immaginare già nel punto nascosto del suo contenuto, la prima e l’ultima scintilla, il mese dopo l’ultimo, sospeso.

Lì avviene il Messia, e perché accade, non gli appartiene la venuta.

Accadere è prima, o dopo, la venuta, i passi solo dettagli dell’accadere.

Forse il libro empirico di Bruno doveva essere smarrito, perché fosse proclamata nel tempo, e sulle pagine di Marco, la sua preziosità.

Felice sintesi tra titolo-significante e suo senso-significato, alla lampada del piccolo tempo che sottrae, nasconde, fraintende, devia.

Cercare il mare nel rivo d’acqua che sotto la regia cieca di pietre, erbe, correnti, è finito nascosto tra i salici e dialoga con il vento.

Come Kris ed Hermann. Come Marco e Bruno.

Messia, libro, sguardo, racconto, punto magico di confluenza di tutti gli smarrimenti che smentisce lo smarrimento. Sull’altro versante, quello da cui si proviene non è trascurato, ma è messo in salvo.

Chi potrà sottrarci le pietre delle strade infinite che qui hanno portato i nostri passi? E l’aria e l’acqua che quelle pietre hanno sfiorato? E la voce della donna che una sera di mille anni fa cantava mentre quell’aria e quell’acqua danzavano e portava un abito azzurro e nella terra premevano le radici di mille anni prima?

Già quelle pietre esigevano di essere riscritte, il Libro voleva essere riconosciuto, l’aria era il nostro alito.

Messia era la cosa suggerita e il suggeritore.

Accendi il fuoco, è inverno, il fiume ha lasciato ai tuoi piedi qualche piccolo legno, fai splendere l’aria, le pietre, la parete di vento che ti sostiene, il Libro brucia accanto alla sua perdita, brucia la parola e ciò che della pagina bianca ha inteso ritagliare. Ma tu che frughi tra la cenere, e sotto la pioggia ancora allestisci sguardi e movimenti della mano, certo troverai la forma di un nuovo fuoco, i frammenti di ogni smarrimento.

E perché a lungo e tante volte è stato fuoco, il Libro smarrito ti lascia tra le mani tutto l’oro della sua mancanza per essere riscritto, ancora e ancora.

Questo è il modo di mostrarsi del Messia. E del Tempo.

A sera, tra la finestra dell’attesa e l’eco sognata dei passi di chi porta il messaggio del re, dentro la ferita fra il tuo nome e il luogo e tempo altri che lo smentiscono, con dolce prepotenza avvengono incontri, scaturiscono scintille-parole, anche il vetro su cui poggi la fronte brilla.

Anche per te, umile suddito scagliato al margine estremo del francobollo, confuso con la tenerezza della gialla sfumatura, costretto nella stanza di un paese morto, è il dono dell’attesa.

Incisione di Bruno Schulz
Fotografia di Chiara Romanini

*Marco Ercolani, Il mese dopo l’ultimo, Amazon Fulfillment, 2020.

LA CASA E IL TEMPO. Lucetta Frisa

1.

La casa ignota ci spoglia l’uno all’altra, febbrili. Fuori

ombre e sbarre, notte, cecità. Qui terra sempre più calda,

brividi e aria, colori. Mille mani orecchi narici occhi

per entrare angoli e odori, immagini e voci. Un lungo

tortuoso viaggio brucia la cenere e si libera nel fuoco

che già cresce dal basso e una sola fiamma avvampa letto

tempo e soffitto, devasta la difesa delle cose. Nelle pause,

respiro brezza mare e pianure, odori chiari, infinito

tenero al tatto. Ridiamo piano bisbigliando all’orecchio

parole piccole, sollecitando allluci e idee, bassi cespugli

di felci, onde quiete. Ad un tratto, la furiosa foresta, nera

e rossa d’improvvisi roghi, la fatica delle rocce, vertigine

e tempesta, cime ed abissi soli. Ci chiamiamo per nome lassù,

è freddo, un grido come un corpo per non stare aggrappati

al vuoto e cadere schiantati. Ora la casa ci parla affannosa

da tutte le porte crepe specchi serrature. Voci ebbre

di veglie e sonni, soffocate ariose di ritorni e partenze;

nascondimi ed aprimi, entra ed esci, porta tenda

fiinestra e muro, muro porta tenda e finestra e quella polvere

agli angoli prima non c’era e quello strano segno un po’ più chiaro

nei vetri di un’ignota luce?

Qualcuno comincia, lento, a vestirsi.

Victor Hugo

2.

Con mano irrequieta bussa alla porta e la soglia

cancella i suoi rovi, lontane foglie di passati

autunni. L’attesa è una casa ombrosa dove un lume

qua e là nasconde e trema nei nostri occhi

spaziosi, nell’aria del tuo respiro che si avvicina.

La parete già mostra venature segrete, insospettate

cavità, segni di future finestre. Tende, muri

e soffitti conoscono il loro destino che questa fiamma

tenace e piccola tramuta in brividi e cenere

per guidare i passi nella luce. Vieni, corriamo

corridoi trafelati, asfissiate stanze, angoli bui

di bambole rotte, sirene che insinuano nenie

a chi comprende solo il silenzio: e infine

le scale che volano alte fino al terrazzo sul tumulto

del mare. Là dove tutto sembra aprirsi, arrivare e

risplendere, la sosta è breve e lunga l’attesa

di nuove inquietudini. E sai che devi cominciare

a tornare, ripetere l’oscuro tragitto che sempre

inizia da porte chiuse e frementi, perché la casa

non è mai uguale.

Victor Hugo

3.

La casa è buia, cancellata dai luoghi.

Silenziosa, chiusa, abbandonata in fretta

o dopo titubanze e lunghe carezze ai mobili,

tanto calda e sensuale nelle notti e respinta

per grandi viaggi ventosi slacciati dai corpi.

Disseccata putrescente o prossima alla luce

in attesa di un nome chiaro, una strada esatta,

volti dai profili toccabili. Risuona

di fiati nascosti, ritmi convulsi o docili

come una grotta cava, i sonni vedono

mari antichi e futuri e poi ancora il vuoto

di passi in fuga o di indugi struggenti, finché

una bufera imprevista la squarcia, spalanca

il tetto, la grondaia e torna pietra affondata.

Polvere che qualcuno raccoglie per farne un altro luogo.

Victor Hugo

*I testi sono tratti da: Modellandosi voce, Corpo 10, Milano 1991.

SVENANDO LE IDEE. Milo de Angelis

Forse la poesia non esisteva prima che qualcuno bussasse e l’amore, il luogo dove nessuno bussa, non perdona gli accattoni: ma c’è una differenza infinita fra un accattone e e un supplice, e dico supplice nell’accezione in cui l’ha detto Eschilo, cioè di colui che chiede tutto, che chiede tutto senza riserve. Eschilo insegna che non ascoltare un supplice può essere fonte di gravi punizioni, può essere un atto di vigliaccheria, non certo un atto d’orgoglio. Vigliaccheria di fronte a questa domanda totale che scaraventa in uno spazio non più trigonometrico, il SOPRA e il SOTTO, due tra gli archetipi più universali che conosciamo.

Ecco, la domanda del supplice frantuma il sopra e il sotto, quando non ammette alternative: la tragedia è appunto quando non c’è alternativa, appunto questa è la gioia della tragedia…

Artemide, come Apollo, come le grandi divinità non umanistiche, uccidono i letterati, coloro che, mentre dicono “io cambierò”, dicono anche “il tempo futuro in cui suonerà la frase, io sarò cambiato”, dicono quest’andirivieni tra cambiamento e riassunto del cambiamento, questo moto pendolare.

Quuesta è l’ubris che viene punita…

Ogni tentativo di sfuggire la morte è il suicidio: ci vuole della pazienza per suicidarsi, ci vuole del “mestiere”. Lo ricorda anche Cesare Pavese… L’eroe non concede mai il purgatorio a colui che lo uccide, lo uccide con un taglio netto, artemideo, senza possibilità di rancore, senza merito dunque, ma anche senza riconoscenza…

Mallarmé insegna che il silenzio non è l’intervallo tra le due note, è iI silenzio delle due note…

D’altronde Mallarmé, ogni poeta, è lontanissimo dall’idea dell’inesprimibile, dalla sfasatura tra essere e dire…

(Modena, 5 maggio 1980)

*Il testo è tratto da L’abito della chimera, a cura di Carlo Alberto Sitta, con la collaborazione di Maria Luisa Vezzali e Bianca Garavelli, I libri di Steve 10, Modena, 1990.

Milo De Angelis