INSONNIA. OMERO. Osip Ėmil’evič Mandel’štam

**

**

Insonnia. Omero. Spesse vele.

Ho letto fino a metà il catalogo delle navi:

questa la lunga nidiata, questo il treno di gru

che un giorno si levò sull’Ellade,

Cuneo di gru in estranei confini,

schiuma divina sulle teste dei re,

dove navigate? Se non ci fosse Elena

che ve ne fareste di Troia, uomini achei?

Il mare, Omero. Ogni cosa è mossa dall’amore.

A chi devo dar retta? E Omero tace,

e il mare nero esulta e rumoreggia,

e con pesante rombo s’accosta al capezzale.

(1915)

traduzione di Serena Vitale

Un pensiero riguardo “INSONNIA. OMERO. Osip Ėmil’evič Mandel’štam

  1. Meravigliosa. Quello stormo di ali come esercito in mille cangianti formazioni. Quella navigazione insensata che suona di armi. L’amore, sogno dell’insonnia. La minaccia esultante del mare che dice rovina.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...