IL DEMIURGO. Antonin Artaud

*I testi di Antonin Artaud sono tratti da “Revue”, 84, n. 2, 1947 (numero dedicato esclusivamente ad Antonin Artaud).

Non si uccide da soli.

Nessuno è stato solo a nascere.

Nessuno è solo, neppure a morire.

Qualcun altro,

nell’attimo della morte estrema,

ci spoglia della nostra vita.

**

E CHE COSA HA FATTO DEL MIO CORPO, DIO?

Fin dal buco nero della mia nascita, dio mi ha insudiciato da vivo

per tutta la mia esistenza

e questo

unicamente perché

io che sono io

ero dio

veramente dio

io un uomo

e non il sé-dicente spirito

proiezione delle nuvole

del corpo di un uomo diverso da me,

il quale

si chiamava

il Demiurgo

ora l’odiosa storia del Demiurgo

è nota

è quella del mio corpo che perseguiva (e non seguiva)

il mio

e per passare prima e nascere

si proiettò attraverso il mio corpo

e

nacque

dallo sventramento del mio corpo

di cui conservò un pezzo su di sé

per

farsi passare

per me stesso.

C’eravamo solo io e lui

lui

un corpo ripugnante

che gli spazi rifiutavano

io

un corpo che stava plasmandosi

di conseguenza non ancora giunto a compimento

ma che si evolveva

verso l’integrale purezza

come quello del sedicente Demiurgo,

il quale sapendosi inaccettabile

e volendo vivere a qualsiasi costo

non trovò niente di meglio

per essere

che nascere al prezzo del

mio assassinio.

Il mio corpo si è nonostante tutto rifatto

contro

e attraverso mille assalti del male e dell’odio

che ogni volta lo deterioravano

e mi lasciavano morto.

E a forza di morire

ho conquistato una reale immortalità.

E questa è la vera storia delle cose

come si è realmente svolta

e non

come vista nell’atmosfera leggendaria dei miti

che cancellano la realtà.

(Traduzione di M.E.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...